SPECIALE ELEZIONI 2019

OFFRIREMO UNA BIRRA A TUTTI COLORO CHE PORTERANNO LA LORO TESSERA ELETTORALE!

Il 26 maggio i nostri “governanti” saranno tanto generosi da offrirci la possibilità di scegliere di fronte a chi farci sudditi.
Beninteso possiamo sceglierlo utilizzando il sistema che hanno deciso e controllano loro e ovviamente votando coloro che sono stati candidati dalle loro stesse strutture di potere.
In pratica un plebiscito, in cui il fatto stesso di andare a votare significa schierarsi a favore della struttura economico-politica che tenta di imprigionarci e reprimerci.
Che sia per questo che ogni volta che si avvicinano le elezioni tutti i media iniziano a martellarci i coglioni sui pericoli della “deriva astensionista”?
Proprio per questo abbiamo deciso di deriderli e brindare con tutti coloro che bruceranno le loro tessere elettorali con noi.
Ma questa unione europea è forse così malvagia?
Ha abbattuto i confini, scacciato la guerra dall’Europa per la prima volta da secoli, difende i diritti umani e cerca una prosperità comune al di là delle identità nazionali.
O meglio così dicono i loro propagandisti.
I confini sono stati abbattuti unicamente per favorire la libera circolazione delle merci e il conseguente aumento di profitti. La libera circolazione degli individui è la conseguenza diretta dell’essere diventati noi stessi una merce, il “capitale umano”, che deve poter essere scambiata liberamente.
La guerra in Europa non è mai finita: dopo la guerra fredda, di cui l’unione europea è stato uno strumento fondamentale, abbiamo proseguito con il collasso statale dell’Albania degli anni 90, le guerre in Jugoslavia dal 91 al 2001 e l’invasione della Crimea nel 2014. Questo solo nel suolo europeo, incalcolabili sono le missioni di “pace”, invasioni “per esportare la democrazia” e gli interventi in difesa “dei diritti umani”  in cui sono coinvolti l’unione europea e gli stati che la compongono.
Gli autoproclamatosi paladini dei “diritti umani”, già suscitano qualche perplessità sulla loro presunta utilità guardando a quanto succede all’interno dell’unione europea, tra razzismo, torture e omicidi di Stato, povertà, sessismo, inquinamento, ecc. Potrei proseguire quasi all’infinito, ma è ai suoi confini che questi difensori dell’umanità si esprimono al meglio, con le centinaia di individui che vengono uccisi in mare, avanguardia dei milioni che soffrono di privazioni inumane, guerre e dittature create dal nostro stesso sistema politico,che evidentemente non sono abbastanza umani per essere anche solo presi in considerazione.
Infine la prosperità, o meglio la crescita economica indefinita, quella stessa crescita per cui i capitalisti sono disposti a distruggere l’intero ecosistema e ad assoggettare il genere umano tutto, compresi loro stessi, a forme sempre più sofisticate di controllo operate dalla macchia. No grazie, non ci interessa vivere una vita da schiavi per accumulare zeri in valute immateriali, custodite in casseforti “virtuali” da istituti di credito sin troppo reali nel loro opprimere la povera gente.
Noi non ne saremo complici, ma anzi di tutto questo ne ridiamo perché DANZEREMO EBBRI SULLE ROVINE DI QUESTA CIVILTÀ.